Riconoscimento del titolo

diploma_freepik-comIn Italia la figura dell’Insegnante di Yoga (così come altre figure relative al mondo “olistico” – che comprende l’operatore shiatzu così come il massaggiatore ayurvedico, il naturopata così come l’osteopata etc. etc.) non è al momento riconosciuta legalmente, così come avviene invece per altre “professioni” (medici, psicologi, ingegneri, architetti etc.) per le quali esistono specifiche “…istituzioni di autogoverno riconosciute dall’art. 1, d.lgs.lgt. 382/1944 – Corte Cost. 284/86 – aventi il fine di garantire la qualità delle attività svolte dai professionisti” e, agli ordini professionali così definiti, “…lo Stato affida il compito di tenere aggiornato l’albo e svolgere le funzioni disciplinari (“codice deontologico”), tutelando la professionalità della categoria” (i c.d. “ordini professionali”).

Per colmare questo vuoto legislativo si stanno al momento percorrendo diverse strade indipendenti tra loro: da una parte, anche e soprattutto a tutela degli utenti di tali servizi, le singole regioni stanno cercando di regolamentare le attività e i campi di intervento delle figure professionali ancora non normate, dall’altra sono nate e nascono singole Associazioni che al loro interno raccolgono iscritti che rispondono ai requisiti che loro stesse definiscono (si spiega così la presenza di molteplici “albi” anche per la stessa disciplina).

Una “terza via” è quella di cui si fanno carico gli Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal CONI (”…associazioni o società sportive che hanno come scopo statutario la promozione e l’organizzazione di attività fisico-sportive con finalità ludiche, ricreative e formative…”): definendo loro stessi degli specifici criteri riguardo la formazione dell’operatore di una particolare disciplina e attraverso Scuole che sottoscrivono tali criteri (monte ore, materie di insegnamento etc.) sono in grado (in virtù del riconoscimento del CONI) di offrire delle precise garanzie rispetto alla titolarità del singolo che opera in virtù del titolo che l’Ente stesso riconosce – garanzie che sono anch’esse a tutela della salute e dell’incolumità dell’utente (che così può affidarsi a chi ha seguito un iter formativo ben definito) e punto di riferimento per altri Enti pubblici (Scuole di ogni ordine e grado, ASL etc.) e privati (Centri Sportivi, Palestre etc.) nella selezione di operatori per le aree di loro interesse (si consideri che particolarmente gli Enti pubblici tendono, in assenza di un Ordine Professionale, ad avere come interlocutori privilegiati soprattutto gli operatori in possesso di un titolo riconosciuto da un Ente affiliato al CONI).

Nel pratico, sintetizzando il concetto, un titolo o diploma offerto da un’Associazione a se stante è di fatto “auto-referenziale” (“io-Associazione ho offerto il Corso, io-Associazione lo riconosco e lo certifico): in tal caso si può solo sperare che l’iter formativo definito dalla stessa sia adeguato alla disciplina e che quanto realmente offerto corrisponda in toto a quanto è stato pubblicizzato (va da sé che, se così non fosse, andrebbero considerati profili etici e legali che non sono oggetto di questo articolo).

Diversamente, il titolo offerto da una Scuola riconosciuta (non semplicemente “affiliata”) è sia “auto-referenziale” che validato e certificato dall’Ente di Promozione Sportiva cui questa aderisce (oltre a eventuali altri riconoscimenti o rapporti che l’Associazione ha con altre Associazioni private).

Preso atto di ciò, esiste un’Ente di Promozione Sportiva migliore di un altro – e di conseguenza una Scuola migliore di un’altra cui affidare la propria formazione?

La risposta non è così immediata: ogni Ente di Promozione Sportiva ha la sua storia e le sue peculiarità e, rispetto a queste, ognuno può orientare meglio la propria scelta. Oltre alla distribuzione più o meno capillare sul territorio nazionale, al numero di tesserati e ai servizi offerti agli affiliati (assicurazioni, convenzioni), un ulteriore aspetto di indubbia utilità nell’ottica di una scelta può essere rappresentato dai “riconoscimenti istituzionali” che ciascun Ente ha nel tempo concluso con altre realtà specifiche (Ministeri, altri Enti Pubblici etc.), riconoscimenti che favoriscono un accesso agevolato quando si andrà ad interagire con esse (es. avendo intenzione di operare all’interno delle scuole pubbliche, può rappresentare un indubbio vantaggio possedere un titolo riconosciuto da un Ente che abbia a sua volta un riconoscimento dal MIUR etc.).

Noi come gruppo di “Formazione-Yoga”, valutando tutte queste variabili, abbiamo scelto come Ente di riferimento la UISP – Unione Italiana Sport Per tutti”, potendo così contare su una realtà attiva nel mondo sportivo e formativo da quasi settanta anni (risale al settembre 1948 il primo Congresso nazionale a Bologna), che hanno portato a un radicamento effettivo su tutto il territorio nazionale e a relazioni con Enti pubblici e privati di ogni ordine e grado (riconoscimenti UISP).

Di seguito, aggiornato al momento della stesura di questo articolo, è possibile prendere visione dei riconoscimenti istituzionali degli Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal CONI che siamo riusciti a reperire online* (oltre a quelli relativi alla UISP consultabili nel link nel precedente paragrafo).

ACSI – Associazione Centri Sportivi Italiani (riconoscimenti)
ASC – Attività Sportive Confederate (riconoscimenti)
ASI – Associazioni Sportive Sociali Italiane (riconoscimenti)
CNS LIBERTAS – Centro Nazionale Sportivo Libertas
CSAIN – Centri Sportivi Aziendali Industriali (riconoscimenti)
CSEN – Centro Sportivo Educativo Nazionale (riconoscimenti)
CSI – Centro Sportivo Italiano (riconoscimenti)
CUSI – Centro Universitario Sportivo Italiano
ENDAS – Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale (riconoscimenti)
MSP – Movimento Sportivo Popolare Italia (riconoscimenti)
OPES – Organizzazione Per l’Educazione allo Sport
PGS – Polisportive Giovanili Salesiane (riconoscimenti)
US ACLI – Unione Sportiva ACLI (riconoscimenti)

* qualora aveste informazioni o segnalazioni relative a questo elenco, potete farcele pervenire all’indirizzo email info@formazione-yoga.it

** Barbara Biscotti ha scritto un altro articolo su questo argomento, affrontando in modo attento la questione da una diversa prospettiva: chi vuole leggerlo può andare alla pagina www.yogamandir.org/yoga_contro_norma.html